La provincia ionica pretende rispetto, anche a livello infrastrutturale

Sorrido davanti alla piccata risposta dell’assessore ai Trasporti della Regione Puglia, Giannini. 
Sorrido perché, a fronte della documentazione che mi è stata fornita da Anas, del Contratto di Programma Anas e del Piano regionale dei Trasporti, capisco che la risposta di Giannini dimostra due cose:

- La prima, CONFERMA che la Regione Puglia ha chiesto e ottenuto il DEFINANZIAMENTO per la realizzazione della superstrada, che avrebbe permesso ai tarantini di arrivare, comodamente e velocemente, all’autostrada A-14, bypassando il centro urbano di Massafra.
- La seconda dimostra che qualcuno a Bari pensa che nella provincia di Taranto ci siano persone con il cosiddetto ‘anello al naso’. 

Altrimenti, non si spiegherebbe la sfacciataggine utilizzata nel rivendicare come NUOVE OPERE, infrastrutture che in realtà sono in programmazione da molti anni, e in un altro caso (SS-100) aver fatto aumentare i chilometri di strada da percorrere. 

L’ennesimo scippo che le infrastrutture del territorio ionico hanno subito è un fatto INDISCUTIBILE, e non è che l’ultimo di una lunga serie di definanziamenti o ridimensionamenti avvenuti per volontà della Regione Puglia. 

PORTO QUALCHE ESEMPIO...
Potrei parlare, in epoca Vendola, della Bradanico-Salentina (tratto Taranto - Lecce), una infrastruttura originariamente prevista a due carreggiate a 4 corsie (due corsie per ogni senso di marcia) ma successivamente retrocessa a C1, ossia a un’unica carreggiata con sole 2 corsie. 

Oppure della mancata programmazione per il raddoppio a due carreggiate a 4 corsie (due corsie per ogni senso di marcia) di TUTTO il tratto della SS 100 Massafra-Bari che, nella nuova proposta della Regione Puglia, esclude il raddoppio del tracciato nei pressi di Mottola. 

Secondo la logica della Regione Puglia, il percorso più veloce e funzionale, per collegare senza pedaggio autostradale Taranto a Bari (sedi entrambe di due porti “core” della rete europea TEN-T), è quello di:
1) prendere la SS106 jonica
2) poi svoltare sulla diramazione 106-dir per giungere ai piedi di Mottola (allungando di oltre 10 km rispetto il tracciato Taranto-Massafra)
3) successivamente nuova deviazione sul tronco autostradale della A-14 (retrocessa a strada statale) e grande aggiramento a ovest dell’abitato di Mottola per oltre 22 km, fino ad arrivare a San Basilio (allungamento di circa 8 km rispetto all’attuale tracciato della SS-100 che passa ad est di Mottola).
UN TOTALE DI CIRCA 18 KM DI STRADA IN PIÙ che la programmazione della Regione Puglia ha imposto alla provincia ionica. 

Il mio auspicio è che tutta la politica locale, a prescindere dal colore, si sollevi e richieda a gran voce rispetto per Taranto, riprogrammando la superstrada Taranto-Massafra (SS7) e Massafra-Gioia del Colle (SS100).

Non è una pretesa da campagna elettorale, è solo semplice buon senso perchè la nefasta programmazione avviata da Giannini non potrà essere cambiata in futuro quando le opere saranno in corso di realizzazione e i contratti con le ditte saranno già firmati.

 

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 4'

Pubblicato il: 26/06/2020 - 18:05:0


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Svolta green del Pd fasulla, emendamento Boccia su decarbonizzazione ne è l'esempio

Il Pd non si smentisce nemmeno sul dl Crescita, un esempio della loro inefficacia dal punto di vista ambientale è la presentazione dell’emendamento a prima firma Boccia che propone la decarbonizzazione entro il 2040

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ponte Morandi, cade il segreto sulla convenzione con Autostrade

Dal 28 agosto sono pubbliche sul sito del MIT tutte le convenzioni di concessione autostradale completi di allegati e piani finanziari, finora coperti da segreto

Leggi di più

Giovanni Vianello

17/03/22 - La Camera dei Deputati ha toccato il punto più basso di questa legislatura

La Camera dei Deputati ha toccato il punto più basso di questa legislatura, la stragrande maggioranza dei Deputati ha votato per l’invio di armi in Ucraina e per togliere i limiti di emissioni alle centrali a carbone con costi scaricati sulle bollette dei cittadin...

Leggi di più

Giovanni Vianello

23/01/22 - Berlusconi si ritira, non poteva contare sul voto di 40 grandi elettori che hanno già scelto Maddalena. E’ una prima vittoria!

Berlusconi si ritira, non poteva contare sul voto di 40 grandi elettori che hanno già scelto Maddalena. E’ una prima vittoria!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ripartono gli incentivi statali per l'acquisto di veicoli a basse emissioni

Dal 1 gennaio 2021 sono disponibili oltre 700 milioni di euro per i cittadini per l'acquisto di veicoli a basse emissioni

Leggi di più

Giovanni Vianello

Mobilità, 35,4 mln euro di buoni fruiti al Sud

Gli ultimi dati forniti dal ministero della Transizione ecologica sul buono mobilità 2020

Leggi di più

Giovanni Vianello

08/02/22 - Nucleare e Gas: Draghi riferisca in Parlamento, Mozione di sfiducia su Cingolani!

Sono intervenuto in aula chiedendo al Presidente del Consiglio Mario Draghi di rifrire in Parlamento sulla posizione espressa dal governo italiano in merito alla tassonomia verde, contro l'indicazione dei referendum.

Leggi di più

Giovanni Vianello

Giornata mondiale dell'acqua

Verso il pieno riconoscimento dell'acqua come diritto umano universale

Leggi di più