Emissioni ex Ilva, studi scientifici rivelano che c'è rischio per la salute anche in fase di attuazione AIA nel 2015!

EMISSIONI EX ILVA: Gli studi scientifici parlano chiaro: SUSSISTE UN RISCHIO NON ACCETTABILE ANCHE IN FASE DI ATTUAZIONE AIA NEL 2015! 

Uno studio scientifico di grande valore, che è stato pubblicato qualche giorno fa per conoscere l’impatto ambientale e sanitario delle emissioni del siderurgico di Taranto, ha dato due importanti informazioni...

La prima è la conferma delle precedenti misurazioni VDS (Valutazione del Danno Sanitario) del 2012, per e post AIA 2011: IL RISCHIO PER LA POPOLAZIONE TARANTINA NON È ACCETTABILE!

C’è poi un aggiornamento inquietante, su cui il Governo deve necessariamente interrogarsi: si stima un RISCHIO NON ACCETTABILE PER IL QUARTIERE TAMBURI anche per lo scenario 2015, nonostante siano state prodotte solo 4,7 milioni di tonnellate di acciaio, una cifra di molto inferiore alla produzione consentita dall’AIA, pari a 8 mln t/a. Questo nel 2015, ossia l’anno in cui è stata introdotta l’immunità penale che ora abbiamo tolto, tra mille polemiche...

La Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitaria (VIIAS) è stata realizzata con un approccio epidemiologico sullo scenario emissivo in corso di AIA nelle area di Taranto, ed è stata sperimentata una metodologia per la formulazione di un giudizio di accettabilità del rischio.
Lo scenario prospettato è rappresentativo della situazione emissiva reale, che riporta i dati di monitoraggio per le emissioni convogliate tratte dal CET per l’anno in questione, mentre, per quanto riguarda le emissioni diffuse, le stesse sono state attualizzate, quindi rapportate alla produzione effettiva del 2015, in termini di coke e acciaio. Da un punto di vista metodologico, lo scenario non presenta altre variazioni significative, restando la ricostruzione emissiva analoga allo scenario precedente.

È DISUMANO! Mentre gli studi scientifici ci rivelano, ancora una volta, la tragedia che i cittadini e i lavoratori di Taranto stanno vivendo, ci sono ancora alcune persone che continuano a parlare di reinserimento dell’immunità penale per il gestore. Eppure, il Parlamento sovrano si è espresso per ben due volte quest’anno, sopprimendo per due volte l’immunità penale inserita dai vari Governi, confermando il principio costituzionale per cui “la legge è uguale per tutti” e che la Repubblica Italiana non accetta “ricatti”.

Alla luce del rischio stimato per il 2015 e a fronte di una produzione di 4,7 mln di t/a, una domanda sorge spontanea: cosa succederà quando la produzione salirà a 8 milioni di tonnellate l’anno? 

Realizzando oggi una Valutazione di Danno Sanitario di tipo PREVENTIVO, cioè considerando da subito lo scenario post Piano Ambientale al 2023, potremmo dimostrare se questo Piano Ambientale, che ricordo racchiude e conclude l’AIA, sia davvero compatibile con la salute umana. 

IO CREDO CHE NON VI SIA ALCUNA COMPATIBILITÀ DI QUESTO PIANO AMBIENTALE APPLICATO AL SIDERURGICO, ma il mio è solo un parere corroborato da alcune riflessioni fatte su studi scientifici (le due VDS e la VIIAS).

Tutto questo deve essere valutato dal Governo che ha il dovere di farlo nei confronti di una città e di una regione che non possono più essere sacrificate per interessi che vadano al di là della salute, dell’ambiente e di una lavoro qualificante e rispettoso dei lavoratori!

[foto Repubblica // edizione Bari]

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 4'

Pubblicato il: 25/10/2019 - 19:03:4


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Rimozione amianto da edifici pubblici, in Puglia arrivano 74 mln di euro!

Non c’è più tempo da perdere, gli ospedali e le scuole pubbliche vanno liberati dall’amianto, una fibra killer che attenta la nostra salute

Leggi di più

Giovanni Vianello

86 interventi in Puglia per adeguare scuole alla normativa antincendio

15 gli interventi di messa in sicurezza nei comuni della provincia di Taranto

Leggi di più

Giovanni Vianello

Il sindaco di Taranto ha perso un'altra occasione per essere incisivo

Melucci, primo cittadino di Taranto, non si è presentato al tavolo convocato al Mise da Di Maio per lunedì 30 luglio. Ha per l'ennesima volta dimostrato di non tutelare gli interessi del capoluogo ionico

Leggi di più

Giovanni Vianello

Incentivi per chi bonifica i tetti dall'amianto passando al fotovoltaico

Premiare chi bonifica i tetti dall'asbesto è un deterrente con doppio valore: si allontana la fibra killer e passando al fotovoltaico si favorisce la produzione di energia pulita

Leggi di più

Giovanni Vianello

Accordo su emendamento 'Stop Trivelle', i mari pugliesi sono salvi

Detto, fatto. Il Governo ha mantenuto la parola sull'emendamento Stop Trivelle, numerose sospensioni per istanze e permessi già rilasciati a favore del territorio pugliese, compreso il suo bellissimo mare!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ex Ilva, ora si valuti il ritiro dell'AIA

Giustamente il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, attiva una procedura nei confronti dell’ex Ilva. Ora si valuti anche il ritiro dell’AIA, così come richiesto tramite una mia interrogazione parlamentare...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Il ministero dell’Ambiente riapre l'AIA dell'ex Ilva di Taranto

Sergio Costa riapre l'AIA dell'ex Ilva. Lo ha detto ieri nel corso dell’audizione in commissione Ambiente Camera. Andiamo avanti per Taranto e con ancora più vigore continuiamo a impegnarci per introdurre la Valutazione preventiva del Danno Sanit...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ilva, c'è un conflitto di interesse tra l'avvocatura dello Stato e Arcelor Mittal?

Le indiscrezioni relative a un potenziale conflitto di interessi tra l’Avvocatura dello Stato e il colosso Arcelor Mittal ci spingono a intervenire celermente anche con azioni parlamentari

Leggi di più