Deposito nucleare nazionale, le ipocrisie di destra e sinistra

In questi giorni ho letto la qualunque sul tema, molti politici di destra e sinistra si sono scagliati contro il M5S e la stampa, sia locale che nazionale, ha fomentato troppo spesso fake news e astio contro il M5S. Leggete qui di seguito e capirete meglio come sono andati negli anni gli eventi, attraverso un breve riepilogo delle norme più significative.

- 1999 governo di sinistra (D’Alema): decreto legislativo n. 79 con cui viene costituita Sogin S.p.A. Società di Stato allo scopo di provvedere allo smantellamento degli impianti nucleari, alla gestione dei relativi rifiuti radioattivi e alla chiusura del ciclo del combustibile.

- 2003 governo di destra (Berlusconi): Decreto legge n. 314 con cui si stabilisce, senza alcun confronto con i cittadini e gli Enti locali, che il deposito nazionale per i rifiuti nucleari si farà a Scanzano Jonico. Grazie all’opposizione dei cittadini questo deposito non si realizzerà mai.

- 2010 governo di destra (Berlusconi): Decreto legislativo n. 31 del 2010 con cui si assegna a Sogin anche il compito di localizzare, progettare e realizzare il Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi, inclusi quelli annualmente prodotti da attività sanitarie, industriali e di ricerca.

- marzo 2014 [marzo] governo di sinistra (Renzi): Decreto legislativo n. 45 con cui si dà il via all’aggiornamento del Programma nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.

- giugno 2014 governo di sinistra (Renzi): vengono emanati dall’Ispra i criteri di localizzazione del Deposito Nazionale.

- gennaio 2015 governo di sinistra (Renzi): il 2 gennaio 2015, la So.G.I.N. ha trasmesso al Dipartimento nucleare, rischio tecnologico e industriale dell’ISPRA (oggi ISIN), la proposta di Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (CNAPI) alla localizzazione del Deposito nazionale. DA ALLORA È RIMASTA SEGRETA!

- aprile 2019 governo Conte I: il ministero dello Sviluppo economico (Ministro Luigi Di Maio, sottosegretario Davide Crippa, entrambi del M5S) chiede a So.G.I.N. di tenere conto, in termini di criteri di opportunità socio-ambientale, anche della classificazione sismica definita dalle Regioni;     

- giugno 2019 governo Conte I: So.G.I.N. S.p.A. trasmette la revisione della proposta di CNAPI in cui viene simulata l’eliminazione a livello cartografico di quelle ricadenti in zone definite a rischio sismico 2 dalle Regioni, con l’evidenza che tale elaborazione non si fonda su criteri di esclusione presenti nella Guida Tecnica n. 29, ma deriva dall’applicazione dell’ “indicazione di opportunità” socio-ambientale formulata dal MiSE, con la citata nota dell’aprile 2019;

- marzo 2020 governo Conte II: le ultime proposte della CNAPI complete dei risultati di ulteriori aggiornamenti, sono state presentate dalla So.G.I.N. S.p.A. nel mese di gennaio 2020 e sono state entrambe validate dall’ISIN, con nota del 5 marzo 2020, senza ravvisare ulteriori rilievi;

- dicembre 2020 governo Conte II: NULLAOSTA dei ministeri Ambiente e Sviluppo Economico alla pubblicazione della CNAPI.

Con il M5S, non solo sono diminuite le aree potenzialmente idonee ma si è anche tolto il segreto sulla CNAPI e inoltre ora parte la fase consultiva e di partecipazione dei 67 territori interessati nella scelta finale dell’unico deposito nazionale. Infine dalla Carta si evince che ci sono in altre Regioni, siti ritenuti più idonei di quelli in Puglia e Basilicata.

N.B. Nella CNAPI non c’è Scanzano Jonico, ossia il luogo che Forza Italia, Lega e Alleanza Nazionale (Casa della Libertà) volevano imporre nel 2003 con l’esercito e senza alcuna consultazione con le popolazioni.

Il centrodestra dovrebbe vergognarsi e dare spiegazioni!

 

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 6'

Pubblicato il: 07/01/2021 - 16:06:3


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Piano Invasi, firmato da Conte il DPCM, 260 mln di euro totali

Parliamo di un primo stanziamento di 260 milioni di euro totali che sarà erogato alle Regioni per finanziare 57 interventi in tutto: 18 di progettazione e 29 anche di realizzazione sull’intero territorio nazionale

Leggi di più

Giovanni Vianello

24/05/22 - Sono preoccupato per le perquisizioni a carico del giornalista Paolo Mondani e alla Redazione di Report

Esprimo profonda preoccupazione per le perquisizioni a carico del giornalista Paolo Mondani e alla Redazione di Report per il lavoro di inchiesta sui nuovi scenari sugli autori della strage di Capaci

Leggi di più

Giovanni Vianello

Quattro consiglieri 5S hanno tradito il voto dei pugliesi

I Consiglieri regionali del M5S, tranne Antonella Laricchia, hanno tradito il voto dei pugliesi e lo hanno fatto in maniera consapevole

Leggi di più

Giovanni Vianello

Gualtieri dice no a integrazione salariale per lavoratori Ilva in AS

L’emendamento a mia prima firma sul rifinanziamento dell'integrazione salariale a favore dei lavoratori cassintegrati Ilva in AS è stato ignorato dal MEF guidato da Roberto Gualtieri, a farne le spese sono 1800 lavoratori in Cigs tra Genova e Taranto

Leggi di più

Giovanni Vianello

Stanziati 700 mln per edilizia scolastica, tra aree prioritarie figurano 167 comuni pugliesi

Tra i Comuni italiani prioritariamente interessati all’avviso pubblico che stanzia 700 mln per interventi di edilizia scolastica figurano anche 167 città pugliesi

Leggi di più

Giovanni Vianello

Corte Ue, Maxi multa per l'Italia su acque reflue

Il Paese è indietro sul trattamento delle acque reflue. Dal 2012 ad oggi solo 35 agglomerati urbani su 109 sono stati messi a norma. Per questo l'Italia dovrà pagare da subito 25 milioni e una penale di 30 milioni per ogni semestre di ritardo 

Leggi di più

Giovanni Vianello

Europee, M5S primo al Sud, in Puglia, a Taranto provincia e comune!

Una riflessione sul risultato locale del M5S alle Europee 2019 del 26 maggio scorso

Leggi di più

Giovanni Vianello

Discarica Vergine di Lizzano, chiarezza su messa in sicurezza e spostamento di rifiuti

Interrogazione al ministero della Transizione ecologica su discarica Vergine di Lizzano (Taranto)

Leggi di più