Taranto - ex Ilva, emendamento Boschi al dl Crescita e VIS

VOGLIO CHIARIRE DUE PUNTI SU VIS PROPOSTA DA EMILIANO ED EMENDAMENTO BOSCHI CHE PROROGA IMMUNITÀ

Il primo riguarda l’emendamento a prima firma Maria Elena Boschi del Pd presentato nell’ambito del dl Crescita. Un emendamento che in parole povere reinseriva l’immunità penale. 

Se questo emendamento fosse stato preso minimamente in considerazione, tutti noi avremmo fatto un balzo indietro nel tempo, quando a Taranto non vigeva il principio costituzionale secondo cui ‘la legge è uguale per tutti’. 
Per fortuna l’atto è stato già votato e BOCCIATO in commissione circa 10 giorni fa. 

Un’altra questione che desta un po’ di confusione in questo giorni è la VIS, ossia la Valutazione d’Impatto Sanitario. 
Forse l’informazione giornalistica potrebbe e dovrebbe fare un po’ di chiarezza ma evidentemente a più persone sono sfuggiti ‘piccoli’ particolari: 
1) Per la Regione non esiste alcuna previsione normativa che permetta di realizzare una VIS vincolante sull’ex Ilva; 
2) Michele Emiliano spenderà soldi pubblici per far realizzare la sua VIS che quindi sarà qualcosa di inapplicabile e non vincolante; 
3) Aspetto molto importante LE LINEE GUIDA DELLA VIS GIÀ ESISTONO realizzate dal ministero della Salute.

È un tentativo fasullo quello del Presidente pugliese: tutta questa manovra rimarrà fine a se stessa e non produrrà alcuna conseguenza, gravando unicamente sulle casse pubbliche per circa 200 mila euro. 

Emiliano continua fare propaganda, questa volta palesemente a spese di tutti i pugliesi.

Ribadisco che, qualche tempo fa, proprio dalla mia pagina facebook rilanciai la notizia della diffusione delle nuove linee guida VIS, realizzate da questo Governo e pubbliche da tempo in Gazzetta Ufficiale. Queste indicazioni sono realmente innovative e mirano a salvaguardare la salute dei cittadini e dei lavoratori utilizzando un metodo altamente scientifico. 

Forse qualcuno dovrebbe informare Emiliano perché evidentemente non se n’è reso conto...ma fate attenzione perché fa finta di non sapere e ad arte crea confusione! 

Per dirne una, l’ennesima...siamo ancora in attesa che Emiliano riveda i limiti emissivi attraverso il Piano della Qualità dell’Aria: questo lo può fare solo lui!

Ma, ahinoi, probabilmente non lo farà mai come del resto difficilmente leggeremo queste osservazioni su alcuni giornali...

 

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 3'

Pubblicato il: 21/06/2019 - 20:02:2


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Gestione rifiuti covid, perplessi dalla risposta del ministero dell'Ambiente

Una interpellanza urgente al ministero dell'Ambiente dal gruppo M5S Ambiente della Camera. Sono intervenuto in replica!

Leggi di più

Giovanni Vianello

SuperEcoBonus 110% per l'edilizia e bonus auto

Uno slancio fondamentale per invertire la rotta sul fronte ambientale e creare nuovi posti di lavoro

Leggi di più

Giovanni Vianello

Sono intervenuto all'incontro su "Algoritmi, etica e diritto"

Il testo integrale del mio intervento al convegno Algoritmi, Etica e Diritto presso la sala capitolare del Senato

Leggi di più

Giovanni Vianello

Area di crisi Taranto, sbloccati 30 mln di euro destinati ai Comuni

Un'altra buona notizia per il capoluogo ionico!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Fare chiarezza sulla bonifica dell'area Micorosa nel Sin di Brindisi

Ho presentato una interrogazione al ministero dell'Ambiente

Leggi di più

Giovanni Vianello

Istituzioni plastic free

Il Ministro Sergio Costa lancia la sfida Plastic Free, via la plastica dai Ministeri perché proprio dai vertici devono cambiare la abitudini

Leggi di più

Giovanni Vianello

Interrogazione ed esposto per l'inceneritore di Massafra, rischio impatto ambientale

Ho presentato un esposto presso la Procura di Taranto e congiuntamente una interrogazione parlamentare al ministero dell'Ambiente, l'inceneritore di Massafra impatta sull'ambiente, potrebbe esserci un forte rischio

Leggi di più

Giovanni Vianello

Il piano della Regione Puglia sulla gestione dei rifiuti è irricevibile

La Regione Puglia ha presentato il piano regionale di gestione dei rifiuti come se fosse la porta di accesso all'economia circolare. Nell'articolo vi rivelo le più grosse criticità che ho riscontrato leggendo il progetto che di partecipato non ha nulla

Leggi di più