Milleproroghe, ok a emendamento su allungamento tempi CNAPI e Seminario

Con l’approvazione dell’emendamento riformulato a mia prima firma nelle commissioni Affari costituzionali e Bilancio sul dl Milleproroghe, si triplicano i tempi della consultazione pubblica sulla CNAPI aperta alle Regioni, gli Enti locali e a tutti i soggetti interessati. Dai 60 giorni di tempo della norma originaria si arriva quindi a 180 giorni, utili alla formulazione e alla successiva trasmissione delle osservazioni e proposte tecniche alla CNAPI. Inoltre, l’emendamento approvato allunga il periodo di confronto del Seminario nazionale, in questo caso i giorni a disposizione diventano 240, rispetto alla norma originaria che di giorni ne annovera 120.

Voglio comunque sottolineare che nel mio emendamento iniziale avevamo previsto un’ulteriore proroga relativa ai tempi utili alla pubblicazione post Seminario della CNAPI aggiornata, oltre ad aver previsto tempi prestabiliti per la pubblicazione del decreto interministeriale di approvazione definitiva della CNAPI. Tuttavia non c’è stata intesa con le altre forze politiche di maggioranza per prorogare ulteriormente i tempi.

In questa maniera accogliamo le richieste provenienti dai territori e dagli Enti interessati offrendo a questi soggetti molto più tempo per la stesura di osservazioni puntuali e complete.

La costruzione di un Deposito nazionale di rifiuti radioattivi, insieme al Parco tecnologico, è un’azione che seppur attesa e fondamentale impatterà sulla morfologia di un determinato territorio, per questo tutti gli interessati devono avere un ampio margine di intervento. Ogni decisione importante merita il coinvolgimento pubblico, e di conseguenza congruità temporale rispetto alla mole di documenti e studi da consultare. 

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 2'

Pubblicato il: 21/02/2021 - 21:04:5


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

La soprintendenza subacquea a Taranto è sempre più vicina

È pubblica sul sito del Mibact la circolare sul conferimento d’incarichi dirigenziali

Leggi di più

Giovanni Vianello

19/03/22 - DL Energia-ex Ilva: Nuovo Salva Ilva, inaccettabile garanzia Stato per i finanziamenti di Ilva e male i 150 milioni tolti dalle bonifiche e da interventi per tutela sicurezza e salute.

E’ bastata qualche settimana al Governo per togliere nuovamente 150 milioni dal patrimonio destinato (soldi sottratti ai Riva) e quindi dalle bonifiche per destinarli alla fantomatica decarbonizazione di cui al momento non esiste ne piano industriale ne un AIA e che qual...

Leggi di più

Giovanni Vianello

02/07/22 - Straordinaria manifestazione a Piombino contro l’arroganza di Draghi e Cingolani

Straordinaria manifestazione a Piombino contro l’arroganza di Draghi e Cingolani che vogliono legarci per altri 20 anni alle fonti fossili imponendo un Rigassificatore galleggiante senza Valutazione Impatto Ambientale (subordinata al parere dell’Europa) e garantend...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Al lavoro per introdurre VDS preventiva

Sono a lavoro da mesi con i ministeri dell'Ambiente e della Salute per modificare il DpCM 2013 Balduzzi-Clini in tema di valutazione del danno sanitario. Essa deve essere fatta in maniera preventiva!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Al lavoro su modifiche al dl Semplificazioni

Vi aggiorno sul prosieguo dell'audizione del Ministro Cingolani nelle commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ambiente, sud e lavoro al centro dell'interesse del governo

Salvaguardia del mare per il ministero dell'Ambiente e rilancio del Mezzogiorno e lavoro per Luigi Di Maio. Il governo del cambiamento muove i suoi primi passi e finalmente i cittadini avranno le risposte che aspettano da tanto tempo

Leggi di più

Giovanni Vianello

Aseco di Ginosa posto sotto sequestro

I sigilli dei Carabinieri forestali sono arrivati all’Aseco di Ginosa, un impianto di compostaggio del gruppo Aquedotto Pugliese (controllato al 100% da Regione Puglia). Quello che è successo martedì mattina fonda i timori dei cittadini

Leggi di più

Giovanni Vianello

06/05/22 - Energia: i servizi segreti smentiscono il governo

Vedo che non solo l’unico ad affermare che l’infrastrutturazione delle importazioni di gas sono già sufficienti anche in caso venisse a mancare l’apporto del gas Russo. Nel report annuale che i servizi segreti italiani mandano al Parlamento (nell&rs...

Leggi di più