Due soluzioni per superare lo stallo istituzionale

Lo ha dichiarato nel corso di una diretta facebook: "Questa è la proposta che sento di poter avanzare, e lo dico prima di tutto a voi, cittadini, prima di qualsiasi altro", ha detto Luigi Di Maio sul social, mentre voci e retroscena si rincorrevano sulle sorti del governo che probabilmente nascerà. Un Esecutivo che si potrà formare sulla base dell'idea portata avanti dal Movimento 5 Stelle: un altro profilo, di uguale caratura al professor Savona, che possa aggiungersi alla squadra indicata dei ministri, con il ruolo di responsabile dell'Economia. Oppure, in alternativa, voto subito, senza minimamente prendere in considerazione la possibilità di accettare un governo tecnico, l'ennesimo non scelto dagli italiani.

Per questo la manifestazione pacifica #IlMioVotoConta si terrà a Roma il prossimo 2 giugno, festa della Repubblica, in cui si ribadirà l'importanza e il valore delle nostre scelte. Se lo faremo con la consapevolezza di andare a elezioni il prima possibile o con la forza adatta a rimettere in piedi un governo per cui la lista dei ministri c'era già, non dipende del tutto da noi. Lo sapremo nelle prossime ore, quel che è certo è che il Movimento 5 Stelle ha sempre dimostrato di voler fortemente tenere fede alle parole spese in campagna elettorale: la qualità di vita degli italiani al primo posto. Prima attraverso un contratto di governo che fosse espressione del programma proposto alle Politiche 2018, un accordo tra due forze politiche alternative ma pronte a impegnarsi per dare soluzione ai problemi dei cittadini: futuro per giovani e famiglie, contrasto alla povertà e alla disoccupazione, sicurezza e giustizia equa, riduzione degli squilibri territoriali, protezione delle imprese e rafforzamento dell'innovazione, infrastrutture, salvaguardia dell'ambiente, ecc. Successivamente con lo strumento di un Esecutivo che fosse garante del contratto stesso, una persona terza, ossia Giuseppe Conte che Luigi Di Maio ha espressamente richiamato all'attenzione del pubblico con la diffusione della sua ultima proposta.

Nel corso dell'ultima assemblea congiunta dei parlamentari M5S, il nostro capo politico ha ribadito che: "Il tema non è mai stato Savona in quanto tale ma persone con la stessa capacità di andare a contrattare a livello europeo. Savona era un punto di caduta tra il M5S e la Lega, il Mef non è mai stato in quota Lega, abbiamo deciso insieme il profilo del ministro dell'Economia. La battaglia non è con il Quirinale, tra il bene del M5S e il bene del Paese abbiamo sempre cercato di mettere prima l'obiettivo di stare in questa legislatura per cambiare le cose. Ci proveremo ancora, aspettiamo una risposta dalla sulla proposta che abbiamo fatto".

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 3'

Pubblicato il: 31/05/2018 - 09:33:2


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

19/03/22 - DL Energia-ex Ilva: Nuovo Salva Ilva, inaccettabile garanzia Stato per i finanziamenti di Ilva e male i 150 milioni tolti dalle bonifiche e da interventi per tutela sicurezza e salute.

E’ bastata qualche settimana al Governo per togliere nuovamente 150 milioni dal patrimonio destinato (soldi sottratti ai Riva) e quindi dalle bonifiche per destinarli alla fantomatica decarbonizazione di cui al momento non esiste ne piano industriale ne un AIA e che qual...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Coronavirus ed ex Ilva, lettera al Prefetto

Scritta in maniera congiunta con i colleghi di Taranto, Gianpaolo Cassese e Rosalba De Giorgi

Leggi di più

Giovanni Vianello

Il sindaco di Taranto ha perso un'altra occasione per essere incisivo

Melucci, primo cittadino di Taranto, non si è presentato al tavolo convocato al Mise da Di Maio per lunedì 30 luglio. Ha per l'ennesima volta dimostrato di non tutelare gli interessi del capoluogo ionico

Leggi di più

Giovanni Vianello

Troppi centri di compostaggio che trattano oltre il fabbisogno territoriale

Per questo si importa organico. La situazione si aggraverà con il nuovo impianto a Pulsano, il Presidente Emiliano favorisce solo condizioni peggiori

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ecoreati: Gravissimo! Meno controlli ma più reati! Il governo intervenga subito.

Secondo il Rapporto Ecomafie pubblicato da Legambiente nel 2020 si sono registrati MENO CONTROLLI effettuati (-17%) a fronte di un INCREMENTO DEI REATI ambientali

Leggi di più

Giovanni Vianello

Il decreto Riordino dei Ministeri al vaglio di Montecitorio

Oggi e domani al vaglio della Camera dei Deputati la conversione in legge del decreto che si occupa di riordinare competenze e funzioni dei Ministeri

Leggi di più

Giovanni Vianello

Pdl emissioni odorigene, incardinata in commissione Ambiente Camera

Sono onorato di essere il relatore di questa importante proposta che arriva al termine di un impegnativo ascolto dei territori vessati da sgradevoli odori

Leggi di più

Giovanni Vianello

La legge sugli ecoreati dà i suoi effetti

Leggi il mio commento preliminare sui dati pugliesi che riguardano gli illeciti ambientali, numeri tratti dall'ultimo rapporto Ecomafia di Legambiente

Leggi di più