Accordo su emendamento 'Stop Trivelle', i mari pugliesi sono salvi

Il Governo grazie al lavoro del M5S sul dl Semplificazioni ha dato concretamente seguito all’impegno preso sull’emendamento blocca trivelle. Per la Puglia confermata la sospensione di 16 istanze di prospezione e ricerca insieme a sei permessi di ricerca già rilasciati (tutti prevedono l’air gun), inoltre canone aumentato di 25 volte per km/2 per le multinazionali del petrolio.

L’emendamento ‘Stop trivelle’ è consequenziale al contratto di Governo che promuove la decarbonizzazione e le fonti d’energia rinnovabile a livello nazionale per il raggiungimento della sostenibilità e dell’indipendenza del sistema energetico. Ora si zittiscano una volta per tutte i detrattori della prima ora, non ultimo il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese, Peppino Longo.

Altro che fandonie, i mari pugliesi sono salvi grazie alla sospensione di ben 22 tra istanze e permessi già rilasciati nei mari Adriatico e Jonio (non esenti le tre rilasciate a dicembre per la ricerca).

Nello specifico per la Puglia si prevede di sospendere tre istanze di prospezione di idrocarburi (due nell’Adriatico e una nel golfo di Taranto), 10 istanze di ricerca nell’Adriatico, 6 permessi di ricerca già rilasciati tra Adriatico e Ionio, nonché 3 istanze di ricerca nello Ionio (di cui due nel Golfo di Taranto). Sono contento, inoltre, che nell’emendamento sia compreso la già annunciata introduzione del Piano delle Aree, uno strumento contenuto nella mia proposta di legge sul tema, altresì capace di tutelare le aree più fragili del nostro Paese.

Infine l’aumento di 25 volte dei canoni di concessione non solo scoraggerà la multinazionali del petrolio ma è anche il segnale che l’Italia non è più un Paese da ‘svendere’ a buon mercato.

Non indietreggiamo di un millimetro rispetto ai nostri obiettivi, per cui, tra i molti a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini, figura proprio il no secco a nuove trivellazioni. Prossimamente verrà discussa alla Camera la mia proposta di legge che contiene altri punti importanti, tra cui il divieto di Air Gun nei mari italiani. 

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 3'

Pubblicato il: 24/01/2019 - 15:23:0


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

AREA MARINA PROTETTA DEL MAR PICCOLO E DELLE ISOLE CHERADI: PRIMO INCONTRO SVOLTO, AVANTI PER L’EFFETTIVA ISTITUZIONE.

Il giorno 3 novembre c’è stato il primo incontro da parte del Comune di Taranto, della Provincia di Taranto e della Regione Puglia e si registrano pareri favorevoli per l’istituzione dell’AMP (Area Marina Protetta) del Mar Piccolo e delle Isole Cheradi...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Puglia terza regione italiana per numero di assunti con il RdC!

Gli effetti positivi del Reddito di Cittadinanza arrivano soprattutto in Puglia, che si piazza al terzo posto tra le regioni italiane per il maggior numero di occupati grazie alla misura introdotta dal M5S

Leggi di più

Giovanni Vianello

A Taranto come a Genova e Trieste: accordo di programma

Le problematiche dell’ex Ilva di Taranto vanno ben oltre...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Stop a deroghe per lo stoccaggio dei rifiuti

Nell’ambito del decreto legge Rilancio, è stato approvato un emendamento a mia prima firma che abroga una proposta di FI, l’art. 113 bis al decreto Cura Italia

Leggi di più

Giovanni Vianello

Aia ex Ilva, necessaria VDS preventiva per sua revisione

Valutare preventivamente il danno e quindi il rischio sanitario per la popolazione affinchè la Regione Puglia possa fare richiesta di revisione dell'AIA su base scientifica 

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ok CdM a candidatura Taranto ai Giochi del Mediterraneo, ora massima convergenza su riconversione economica

Il via libera del Consiglio dei Ministri alla candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo 2025 è il frutto di un grandioso lavoro di squadra

Leggi di più

Giovanni Vianello

Basta veleni!

Per almeno due giorni la città di Taranto è stata inondata da gas proveniente dall'Eni. Ho provveduto subito a depositare una interrogazione parlamentare al ministero dell'Ambiente, richiedendo la possibilità di compiere una ispezione nella raffine...

Leggi di più

Giovanni Vianello

21/05/22 - Bonifiche Taranto: buon lavoro al Commissario Martino ma il Governo continua a mantenere bloccate le bonifiche su Taranto

Apprendiamo dagli organi di stampa che il Prefetto di Taranto Demetrio Martino è stato riconfermato dal Governo come Commissario per le bonifiche dell’area di crisi ambientale complessa di Taranto, auguro a lui buon lavoro per il difficile compito ma non posso che...

Leggi di più