Resistere è un atto di responsabilità verso il Paese

Quante volte, soprattutto in questo periodo, avete sentito parlare di RESPONSABILITÀ? Lo è rimanere a casa per evitare ulteriori contagi, lo è recarsi in Parlamento per votare un atto importantissimo come il Cura Italia, lo è anche la scelta di spostare gli Stati Generali del MoVimento 5 Stelle, decretando di fatto la permanenza dell’attuale Capo reggente Vito Crimi, un uomo prima che un politico, una persona che merita tutto il mio e il vostro rispetto per l’impegno e la costante comprensione che esercita nei confronti di un'intera forza politica come il M5S. 

Prima di dirvi ciò che per me significa responsabilità, mi interessa spiegarvi cosa per me ha rappresentato un abuso della parola responsabilità…In passato, quando al Governo c’erano centrodestra e centrosinistra, il termine “responsabilità” è stato utilizzato troppe volte in maniera impropria, con l’obiettivo di far ingoiare al Paese bocconi amari. Partiamo ad esempio con il voto favorevole al MES, ma non dimentichiamo il pareggio di bilancio in Costituzione, la fiducia al governo dei tecnici, la riforma Fornero, i decreti Salva Ilva, lo Sblocca Italia e tante altre catastrofi. 

Leggete i resoconti stenografici: tutti i sostenitori di questi temi hanno utilizzato la parola “responsabilità” per giustificare - in momenti storici non certo semplici - il via libera a quello che pian piano ha messo il cappio al collo al nostro Paese, e che ancora oggi stiamo pagando a caro prezzo. Perchè purtroppo, la retorica politica passa, ma quel che resta sono gli atti votati in Parlamento.

E qui arriviamo a cosa per me è la responsabilità. Credo fortemente che il reale significato del termine ci sia stato insegnato da chi ha combattuto contro l’occupazione nazifascista, da chi, andando oltre le differenti opinioni politiche, ha lottato per il Paese contro la prepotenza e i crimini perpetrati contro l’umanità. Il M5S è figlio, così come la nostra Repubblica, di quella Resistenza e lo ha dimostrato più volte! Il Movimento 5 Stelle ha sempre votato gli atti con cui era d’accordo, indipendentemente dai proponenti, perchè quello che importa sopra ogni cosa è il bene dei cittadini. Proprio su questa linea, ieri ho votato un OdG che in definitiva proponeva al Parlamento ciò che il M5S ha sempre sostenuto, ossia la contrarietà al MES. Dato che l’Ordine del Giorno non rappresenta per il Governo un atto vincolante ma è un semplice atto parlamentare che appunto rimane agli atti, ho ritenuto, essendo d’accordo con il fine, di votarlo, affinché rimanesse nero su bianco il mio NO al MES.

Non riesco quindi a comprendere il parere contrario del Governo, in quanto, se il Presidente Conte ha più volte e giustamente rassicurato i cittadini che l’Italia non avrebbe attivato il MES, noi avremmo potuto - e forse dovuto  - sostenere la nostra posizione. Semmai, avrebbero dovuto interrogarsi tutti quei partiti che in passato hanno votato per il MES, cominciando dal Pd! Credo quindi che il parere contrario del Governo abbia favorito la posizione del Pd, e di conseguenza abbia messo in crisi il M5S, diviso sul votare in contrasto con quanto sempre sostenuto, oppure votare in contrasto con il parere del Governo. 

Giova ricordare, poi, che nel corso di questo Governo Conte II, più volte il partito di Renzi Italia Viva, pur essendo una forza politica di maggioranza, ha votato ordini del giorno insieme alle opposizioni, compresa la destra, a volte, in netto contrasto con i pareri del Governo e del resto della maggioranza. Vedete, ad esempio, il caso prescrizione.
Non è successo ovviamente nulla in seguito, perchè l’OdG, ribadisco, non è vincolante ma in qualche maniera serve a influenzare il lavoro del Governo. 

Per chi se lo stesse chiedendo, vi informo inoltre che ad oggi non esiste un “MES light”, di cui tanto sentiamo in tv e sui giornali, ma di fatto è sempre lo stesso entrato in vigore nel 2012, votato da centrodestra e centrosinistra.

Per questo, dopo aver dato per l’ennesima volta la fiducia al Governo Conte II votando il decreto “Cura Italia”, ho votato un OdG contro il MES. 
Un 5 stelle che vota un odg contro il MES? 
Non credo sia di certo una novità!  

Ricordo che lo Stato italiano non può attivare il MES attraverso il SI o il NO a un Ordine del Giorno, bensì la procedura di attivazione è ben più articolata e complessa!

Infine, sul fatto che alcuni ministri del M5S non si siano opposti al parere contrario all’odg avverso al MES, oppure abbiano lasciato passare alcune nomine irricevibili, prima fra tutte quella di Descalzi all’Eni, solo per citare alcuni casi, credo che agli Stati Generali questi stessi dovranno prendersi le loro responsabilità, ossia quella di non essere stati in grado di riportare la volontà politica della prima forza di maggioranza del Paese. 

Perchè, quello che ci contraddistingue rispetto agli altri partiti, è proprio il fatto di combattere contro le ingiustizie e lavorare sodo unicamente per il bene del nostro Paese, con la coerenza e con la stessa determinazione che ha portato i nostri cari a combattere nella Resistenza. 

Per questo, a voi tutti, indipendentemente che siate parlamentari, amministratori locali, cittadini, posso solo dire che quando vedete un’ingiustizia, una cosa sbagliata, RESISTETE E COMBATTETE, AFFINCHÉ  LA GIUSTIZIA TRIONFI DI NUOVO. CIASCUNO DI NOI HA LA RESPONSABILITÀ SU QUELLO CHE GLI SUCCEDE INTORNO, E CHE INEVITABILMENTE RICADRÀ SU CHI VERRÀ DOPO.

P.S. Giorgia Meloni, non sono assolutamente lusingato dal tuo messaggio di apprezzamento (strumentale) che hai rivolto anche a me sulla tua pagina fb. Lo respingo perché so bene che a te del MES non te ne importa assolutamente nulla, in quanto, quando ne hai avuto la possibilità al Governo non lo hai contrastato, diventando tra l’altro connivente delle peggiori cose che il Governo Berlusconi prima, e Monti dopo, hanno imposto ai cittadini italiani, MES incluso!

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 7'

Pubblicato il: 26/04/2020 - 12:13:3


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Sempre più vicino alla mobilità ecosostenibile in Italia

Con un emendamento approvato martedì in commissione Bilancio è entrata nella Manovra (discussione generale a partire da ieri sera) una norma importante a favore della mobilità ecosostenibile a cui hanno lavorato congiuntamente Mise e Mit.

Leggi di più

Giovanni Vianello

Passo in avanti di Melucci ma non ancora sufficiente, serve maggior coraggio

Vi spiego ciò che penso dell'audizione del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, in commissioni congiunte Ambiente e Attività produttive della Camera di martedì scorso

Leggi di più

Giovanni Vianello

A Cattolica con la commissione Ecomafie per i mitilicoltori

La missione della Commissione Ecomafie in Emilia Romagna - da oggi siamo alla Fiera Ecomondo di Rimini - è iniziata ieri accogliendo la mia iniziativa di incontrare un gruppo di mitilicoltori e pescatori di Cattolica. 

Leggi di più

Giovanni Vianello

Dal TIP di Taranto risposte concrete a cittadini e lavoratori

Facciamo il punto sulle misure a favore della riconversione economica di Taranto, con uno sguardo d'eccezione all'immunità penale per l'ex Ilva, la cui abrogazione è prevista nel dl Crescita. Nessun passo indietro!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ambiente, sud e lavoro al centro dell'interesse del governo

Salvaguardia del mare per il ministero dell'Ambiente e rilancio del Mezzogiorno e lavoro per Luigi Di Maio. Il governo del cambiamento muove i suoi primi passi e finalmente i cittadini avranno le risposte che aspettano da tanto tempo

Leggi di più

Giovanni Vianello

Stop al SISTRI, uno spreco dilatato negli anni. Ora una seria tracciabilità dei rifiuti!

Oggi il Consiglio dei Ministri ha dato via libera alla soppressione del Sistri, il sistema per la tracciabilità dei rifiuti speciali. Lo stop arriverà in maniera ufficiale il Primo gennaio prossimo e permetterà di avviare un serio sistema di gestione diret...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Su Cantiere Taranto disponibile a raccogliere istanze dal territorio

Sul decreto Cantiere Taranto si gioca una partita importante per cui è necessario il coinvolgimento di tutti

Leggi di più

Giovanni Vianello

86 interventi in Puglia per adeguare scuole alla normativa antincendio

15 gli interventi di messa in sicurezza nei comuni della provincia di Taranto

Leggi di più