Le bellezze sommerse della Campania

A Bacoli si trova uno splendido sito per l'Archeologia subacquea nei Campi Flegrei, il Parco Archeologico Sommerso di Baia deve la sua origine alla natura vulcanica del territorio. Un lento movimento della terra, il bradisismo, ha modificato la linea di costa provocandone la progressiva immersione. 

L’indagine archeologica ha portato alla luce ville e sculture riconosciute come raffigurazioni del dio Dioniso e di componenti della famiglia Giulio Claudia che decoravano le pareti laterali della sala. In particolare, le statue sono state identificate come raffigurazioni di familiari dell’imperatore Claudio: la madre Antonia Minore, personificazione di Venere Genitrice e Ottavia Claudia, la figlia morta in tenera età. 

Questi reperti e tanti altri potete visitarli andando con i Diving locali non solo in immersione ma anche in snorkeling visto che si trovano a una profondità che varia dai 3 ai 5 metri di profondità! Credetemi, sono una meraviglia unica al mondo!

Il Regno di Nettuno comprende il mare che circonda l’Arcipelago Flegreo, formato dalle isole di Ischia, Procida e Vivara. L’AMP Regno di Nettuno deve la sua incredibile ricchezza anche alla particolare posizione su di un confine importantissimo, che divide l’area nord del mediterraneo da quella sud. Si tratta di un confine climatico, utile a fare in modo che l’arcipelago flegreo si trovi all’estremo nord dell’area di espansione delle specie che colonizzano il mediterraneo meridionale e all’estremo sud dell’area di espansione delle specie che preferiscono climi più freddi. 

Il risultato è la contemporanea presenza di tutte le specie presenti nel Mediterraneo, caratteristica che convinse Anton Dohrn, studioso tedesco amico di Charles Darwin, a stabilire tra Napoli e Ischia i suoi studi e a costruire il primo istituto di biologia marina al mondo (nel 1872), ad oggi uno dei più prestigiosi. 

I fondali e il mare dell’AMP Regno di Nettuno comprendono una assoluta varietà di ambienti: aree di coralligeno, incredibili formazioni di alghe rosse, madrepore e coralli, moltissime specie protette quali le aragoste. Inoltre, è presente nella AMP il cosiddetto Canyon di Cuma, che rende il Regno di Nettuno un’area pregiata nel Mediterraneo vista la presenza di cetacei (delfini, balene, capodogli) in questo tratto del Mediterraneo.

Tuttavia, per una parte della popolazione e dei pescatori locali queste Aree protette (soprattutto il regno di Nettuno) vengono considerate come una privazione del diritto a esercitare la pesca o di effettuare altre attività economiche. Questa opinione è del tutto errata perchè in realtà le AMP sono di fatto un formidabile richiamo di turisti da tutto il mondo che vengono a visitare i nostri gioielli e si meravigliano di quanto splendidi siano i nostri mari. 

Occorre lavorarci su, bisogna fare in modo che le imprese locali comprendano come le AMP non siano solo zone di divieto bensì spazi utili a incrementare in maniera considerevole le attività economiche sostenibili, compresa la pesca che può beneficiare del cosidetto “effetto riserva”.

La valutazione del cosiddetto effetto riserva (ER) consiste nello studio del possibile aumento della densità e taglia alcune specie bersaglio all'interno di una AMP in confronto ad aree di controllo in cui la pesca è consentita, secondo appropriati piani di campionamento. Se le specie possono crescere e riprodursi, i primi a beneficiarne sono proprio gli esercenti del comparto della pesca! 

Occorre un confronto serrato nei riguardi del comparto, perchè la pesca è un valore aggiunto che contraddistingue il nostro Made in Italy ma per fare in modo che duri nel tempo è necessario preservare le aree di riproduzione e le AMP, in quanto, se gestite correttamente, possono garantire lunga vita al settore!

Tornerò presto a parlarvi di questo angolo d'Italia che merita di essere conosciuto e protetto affinché le generazioni future possano godere di questi splendori 

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 5'

Pubblicato il: 02/07/2019 - 17:07:0


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Ultimissime dal MiSE

Due notizie fresche fresche dal ministero dello Sviluppo economico guidato dal nostro Luigi Di Maio

Leggi di più

Giovanni Vianello

Dal 4 maggio inizia la fase 2 per l'Italia!

I contenuti del DPCM del 26 aprile 2020

Leggi di più

Giovanni Vianello

La viabilità della SS16 Adriatica va migliorata anche attraverso le osservazioni sollevate dai sindaci del territorio

E insieme a un'analisi costo/benefici che ad oggi manca. L'ambiente va tutelato anche quando si progettano soluzioni che potrebbero riservare alternativa più economiche e meno impattanti

Leggi di più

Giovanni Vianello

L'arroganza del potere non ha limiti, o quasi...

Le vicende legate al Presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano, sembrano non avere fine. Proprio ieri il Tribunale di Bari si è espresso sull'ultima nomina dell'Ente di via Anfiteatro, rispondendo alla richiesta dei comuni soci di minoranza di Ctp

Leggi di più

Giovanni Vianello

Ilva, Pd senza vergogna davanti ai cancelli del siderurgico

Qualche giorno fa davanti ai cancelli Ilva si è presentato il segretario Pd, Maurizio Martina. Che coraggio dopo il disastro combinato quando il suo partito era al governo! 

Leggi di più

Giovanni Vianello

Nel decreto fiscale nessun condono penale e scudo fiscale all'estero

Accordo trovato su condono penale e scudo fiscale all'estero. Una grande vittoria per il Movimento 5 Stelle!

Leggi di più

Giovanni Vianello

La discarica DISECO di Castellaneta è in stato di abbandono da oltre 17 anni!

Ho presentato una interrogazione parlamentare al ministero dell'Ambiente per chiedere un intervento sulla mai chiusa discarica Diseco, che aspetta la messa in sicurezza dal 2001

Leggi di più

Giovanni Vianello

Porto di Taranto, interrogazione al MiT sull'avanzamento dei lavori

Ho presentato al MiT una interrogazione per chiedere lo stato di avanzamento dei lavori, facendo anche riferimento alla posizione economica della ditta Astaldi

Leggi di più