Deposito nucleare, tolto il segreto. Ora avanti con le osservazioni

Buongiono!

Questa mattina, in edicola su «Il Corriere del Mezzogiorno» Puglia, potrete leggere in prima pagina il mio pezzo dal titolo "Scorie nucleari in un deposito di partecipazione".

Lascio di seguito il testo a vostra disposizione per la lettura. 

"È proprio il caso di dirlo: finalmente c’è trasparenza. 

Grazie al Movimento 5 Stelle, dopo sei anni di segreti del duo Renzi-Calenda, è stata resa pubblica la CNAPI, la mappa dove vengono indicate le 67 zone idonee a ospitare l’unico deposito nucleare italiano. Solo dopo un percorso di partecipazione pubblica si procederà alla scelta del luogo deputato a ospitare il Deposito nazionale e il Parco tecnologico. I 67 siti che attualmente sono sulla CNAPI non sono il frutto di scelte politiche, come qualcuno ha erroneamente fatto intendere, ma del lavoro di analisi dei tecnici della Sogin, i quali hanno indicato i 67 potenziali siti solo dopo aver analizzato tutto il territorio italiano in base alle guide tecniche dell’Ispra, attraverso criteri specifici riconosciuti a livello internazionale, nonché valutati da parte delle più importanti agenzie e istituti di ricerca italiani quali ENEA, IGM, ISS, INGV e CNR. 

La costruzione dell’unico Deposito nazionale è stabilita da una norma che risale al 2010, quando al governo del Paese c’era il centrodestra, per ospitare in maniera definitiva i rifiuti radioattivi italiani a bassa attività che attualmente sono stoccati in depositi temporanei, e quindi non idonei a uno stoccaggio definitivo, ma anche quelli che provengono dalla ricerca, dal settore militare, dell’industria e della medicina nucleare. Nella struttura verranno stoccati, ma solo temporaneamente, anche i rifiuti radioattivi a media e alta attività, una eredità delle centrali nucleari tanto amate dal centrodestra che dovranno essere successivamente trasferiti in un deposito geologico idoneo alla loro sistemazione definitiva. 

Per la Basilicata e per la vicina provincia di Taranto si tratta di una buona notizia, perché la costruzione del Deposito nazionale nucleare in un’altra zona d’Italia, maggiormente idonea, permetterà di togliere definitivamente dall’Itrec di Rotondella (in provincia di Matera e confinante con Ginosa), i 64 elementi di combustibile radioattivo lì attualmente stoccati. La costruzione del Deposito nazionale permetterà anche di completare il cosiddetto decommissioning degli impianti nucleari, così da poter restituire i siti che prima li ospitano privi di vincoli radiologici. 

Per la prima volta in Italia, la localizzazione di una grande opera avverrà mediante una procedura partecipata, con il solo fine di arrivare a una soluzione concordata con le comunità locali. Va inoltre ricordato che i 67 siti individuati in Italia non partono tutti dallo stesso livello di idoneità ma sono suddivisi in quattro fasce: molto buone, buone, aree insulari e aree in zona sismica 2. Nessuna zona “molto buona” è presente in Puglia e Basilicata, in cui sono state individuate 6 zone “buone” e 11 “zone sismiche 2”.

Per questioni precauzionali, ben prima della stesura dell’attuale CNAPI, il Movimento 5 Stelle ha chiesto alla Sogin di tener conto dei criteri legati a opportunità socio-ambientali e della classificazione sismica definita direttamente dalle Regioni. Questa richiesta, a posteriori, ha permesso alla regione Basilicata di avere, rispetto ad altri siti in Italia, una minore idoneità per ben 11 zone che risultano in zona sismica 2. Invito le comunità locali dei territori che già pagano molto in termini ambientali a presentare osservazioni al processo partecipato. Un percorso molto differente rispetto a quello propinato nel 2003 dal governo di centrodestra che voleva imporre, senza alcuna consultazione pubblica, senza la pubblicazione dei criteri scelti e per giunta con l’utilizzo dei militari a Scanzano Jonico, un deposito nucleare. Per fortuna però il sito non venne realizzato soprattutto grazie alla determinazione dei cittadini". 

Ricordate di condividerlo!

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 5'

Pubblicato il: 15/01/2021 - 10:03:3


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Audizione del Ministro Cingolani: il mio intervento in commissioni riunite X e VIII

Il mio intervento in commissioni riunite Attività produttive e Ambiente della Camera in occasione dell'audizone del Ministro Cingolani

Leggi di più

Giovanni Vianello

Dl Rilancio, un fondo a favore degli Enti locali per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19

Per i comuni della provincia di Taranto vengono messi a disposizione circa 6,9 mln di euro

Leggi di più

Giovanni Vianello

Visita al porto di Taranto in compagnia dell'AdSP, Sergio Prete

Vi racconto la visita al porto di Taranto, accolto dall'AdSP Sergio Prete

Leggi di più

Giovanni Vianello

Basta soldi pubblici all'industria dei veleni!

Nuovi fondi europei per il Green new Deal? Non bruciamoli per l'Ilva, vengano utilizzati solo per le bonifiche!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Interrogazione ed esposto per l'inceneritore di Massafra, rischio impatto ambientale

Ho presentato un esposto presso la Procura di Taranto e congiuntamente una interrogazione parlamentare al ministero dell'Ambiente, l'inceneritore di Massafra impatta sull'ambiente, potrebbe esserci un forte rischio

Leggi di più

Giovanni Vianello

21/05/22 - NO ALLA FIDUCIA AL GOVERNO DRAGHI. La mia dichiarazione di voto per conto di Alternativa

Abbiamo votato NO alla fiducia al governo Draghi! L'ultimo decreto per contrastare gli effetti della crisi ucraina contiene norme disastrose, che non rappresentano le volontà dei cittadini italiani.

Leggi di più

Giovanni Vianello

25/06/22 - Nucleare, Vianello (ALT) pericolose le deroghe di legge alle attività di gestione dei rifiuti radioattivi.

Nucleare, Vianello (ALT) pericolose le deroghe di legge alle attività di gestione dei rifiuti radioattivi.

Leggi di più

Giovanni Vianello

Stop trivelle almeno fino ad agosto 2021, nessuna imminente riapertura

Il Governo ha anche accolto il mio ordine del giorno collegato alla Manovra con cui si impegna a non rilasciare nuovi permessi per le attività legate agli idrocarburi

Leggi di più