Anche il Pd spinga come il M5S per la chiusura dell'area a caldo dell'ex Ilva di Taranto

Gentile Ministro Boccia,

questa mattina ho letto sul Fatto Quotidiano una sua intervista, dove tra l’altro, invita il M5S ad allearsi in Puglia con Il PD e con Emiliano candidato presidente, cosa che tra l’altro favorirebbe la “decarbonizzazione dell’Ilva”.

Mi permetto di farle osservare due aspetti che non ho gradito all’interno dell’intervista, uno nel merito, l’altro nel metodo.

Nel merito, lei ci chiede di abbracciare le teorie di Emiliano per “decarbonizzare l’Ilva”… Io le chiedo invece perchè il PD, nazionale e regionale, non voglia condividere l’idea che noi da anni proponiamo, ossia la “chiusura dell’area a caldo con un accordo di programma per tutelare il reddito dei lavoratori”. Esattamente come è stato fatto per Genova e Trieste, dove, a seguito della chiusura della sola parte più inquinante della produzione di acciaio - l’area a caldo -, il cielo è tornato azzurro.

Mi spieghi, per favore, perchè ai tarantini debba essere negato lo stesso sacrosanto trattamento che è stato riservato ai genovesi e ai triestini, perchè la splendida città di Taranto non debba scrollarsi di dosso l’ingombrante e velenosa presenza dell’industria più inquinante d’Italia, e forse d’Europa.

Eppure, anche il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, che appartiene al suo stesso partito, il PD, ha da qualche tempo condiviso questa idea, schierandosi apertamente per la “chiusura dell’area a caldo”. Non voglio pensare che sia solo frutto di un tatticismo politico, ma auspico vivamente che Melucci ne sia convinto, proprio perchè anche lui vive a due passi dall’Ilva, e anche lui, probabilmente, si è convinto che non sia più possibile continuare a produrre acciaio in questo territorio che già vede la presenza di altre industrie inquinanti, come la raffineria ENI e un imponente sistema di discariche e inceneritori per lo smaltimento dei rifiuti pugliesi ed extra regionali.

La prego di non dirci anche lei che con il preridotto, i forni elettrici (fondamento della cosiddetta “decarbonizzazione” affiancati agli altoforni), cokerie, agglomerato, ecc. l’Ilva possa diventare sostenibile con il territorio e soprattutto con la vita, perchè questa è una cosa non vera. La strada da intraprendere, invece, è la stessa che si è scelta per Genova e Trieste, un percorso già collaudato che possiamo replicare anche a Taranto, contando anche sui fondi che l’Europa sta per inviare all’Italia, favorendo quindi una riconversione economica dell’intera provincia ionica che merita un altro destino rispetto a quello imposto negli ultimi 60 anni dallo Stato Italiano.

Da pugliese a pugliese le chiedo di farsi portavoce con i vertici del PD e di pretendere che a livello regionale e nazionale si punti all’accordo di programma per la chiusura dell’area a caldo. Noi pugliesi dobbiamo pretenderlo, noi pugliesi non dobbiamo essere da meno rispetto ai liguri e ai friulani!

Nel metodo invece, considero questa sua intervista, in cui chiede un'alleanza tra M5S e PD con candidato presidente Emiliano “per evitare una presunta consegna della Puglia al centrodestra”, una sgarbo nei confronti dei cittadini pugliesi che molto spesso si sono dimostrati molto più lungimiranti di chi li ha amministrati a tutti i livelli. I pugliesi conoscono bene Raffaele Fitto e ricordano bene gli enormi danni che lo stesso ha provocato in Puglia, così come ricordano bene le nefandezze che il centrodestra a livello nazionale ha causato alla nostra regione. Fossi in lei non mi nasconderei dietro questa chimera per celare il fatto che Emiliano in realtà è molto debole in Puglia e teme moltissimo Antonella Laricchia, l’unica persona che è riuscita a tenergli testa e a dimostrare di valere molto di più.

La Puglia merita un cambio di passo ed Emiliano si è già dimostrato inconcludente sui temi di competenza regionale, soprattutto nella provincia di Taranto…

Le potrei parlare del fallimento delle politiche di Emiliano su rifiuti, trasporti, sanità, agricoltura, pesca, solo per fare alcuni esempi tangibili dell’inconcludenza di Emiliano che, nel momento in cui avrebbe dovuto dimostrare coraggio chiedendo fortemente la “chiusura dell’area a caldo dell’Ilva”, si è tirato indietro e ha ripiegato sulla cosiddetta decarbonizzazione, tra l’altro solo parziale.

Io non vorrei mai un Presidente di Regione che non abbia il coraggio di affrontare il più grande flagello dei nostri tempi, che ha prodotto ricatti continui, malattia e morte. Antonella Laricchia, invece, questo coraggio ce l’ha e lo ha già dimostrato scrivendolo nel programma delle prossime regionali: “ACCORDO DI PROGRAMMA E CHIUSURA DELL’AREA A CALDO DELL’ILVA”.

Gentile Ministro Boccia questi mesi ho avuto modo di apprezzare le sue qualità politiche e per questo le chiedo di non trattare la vicenda Ilva come uno “scambio” per la campagna elettorale, ma al contrario impegniamoci entrambi a pretendere dalle nostre rispettive forze politiche che, a livello nazionale e regionale, la volontà dei tarantini venga rispettata e seguita.

Non ci sarà un’altra volta, ora o mai più, facciamo rumore!

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 5'

Pubblicato il: 04/07/2020 - 15:48:2


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Ok della Camera al provvedimento Class Action

Con 365 voti favorevoli l’Aula di Montecitorio ha dato il via libera al provvedimento sulla class action, un termine inglese che indica un’azione legale condotta da uno o più soggetti

Leggi di più

Giovanni Vianello

Aree Marine Protette, dotarle di una rete omogenea di info-point

Ho depositato una interrogazione rivota al ministero dell’Ambiente sulle Aree Marine Protette

Leggi di più

Giovanni Vianello

Due soluzioni per superare lo stallo istituzionale

Voto subito e no a un governo tecnico, oppure l'aggiunta di un'altra persona nel ruolo di ministro dell'Economia. Sono queste le due proposte sulle quali si sta ragionando per scongiurare l'ennesimo Esecutivo non scelto dagli italiani

Leggi di più

Giovanni Vianello

In Ecomafie l'audizione della Procura generale della Cassazione

Continua l’inchiesta della commissione Ecomafie sulla gestione dei rifiuti in tempi di emergenza Covid. Oggi abbiamo affrontato una interessante audizione con il Procuratore generale alla Corte di cassazione, Giovanni Salvi e il sostituto Procuratore generale alla Corte ...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Il sindaco di Taranto ha perso un'altra occasione per essere incisivo

Melucci, primo cittadino di Taranto, non si è presentato al tavolo convocato al Mise da Di Maio per lunedì 30 luglio. Ha per l'ennesima volta dimostrato di non tutelare gli interessi del capoluogo ionico

Leggi di più

Giovanni Vianello

Taranto, le misure più importanti in Bilancio

A Taranto sta per partire la riconversione economica del territorio, grazie a tante misure contenute nella nuova riformulazione del ddl Bilancio

Leggi di più

Giovanni Vianello

Dal TIP di Taranto risposte concrete a cittadini e lavoratori

Facciamo il punto sulle misure a favore della riconversione economica di Taranto, con uno sguardo d'eccezione all'immunità penale per l'ex Ilva, la cui abrogazione è prevista nel dl Crescita. Nessun passo indietro!

Leggi di più

Giovanni Vianello

Stop al consumo di suolo. Presentati a Roma i nuovi dati Ispra

Più 5.200 ettari di suolo consumato rispetto al 2016. Dati shock nell'ultimo Rapporto Ispra-Snpa sul consumo di suolo. La Puglia non è esente, come del resto la provincia di Taranto

Leggi di più