22/04/22 - Sono il primo parlamentare italiano ad aderire al Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili

ATTIVIAMOCI TUTTI, ORA!

Un TRATTATO di NON PROLIFERAZIONE DEI COMBUSTIBILI FOSSILI è urgente e necessario per gestire una VERA transizione ecologica rapida ed equa lontano da carbone, petrolio e gas a livello globale.

Per questo ho aderito al Trattato (qui tutte le info https://fossilfueltreaty.org/ ) e se da una parte sono orgoglioso di essere il primo Parlamentare della Repubblica Italiana ad aver aderito (4° italiano in assoluto) sono al contempo estremamente deluso che nessuna istituzione italiana non abbia ancora aderito.

Non lo hanno fatto i comuni, province e regioni italiane, troppo impegnate a capire cosa è una vera transizione ecologica!

Non lo ha fatto il Parlamento italiano che nella grande ipocrisia delle forze politiche che hanno votato la riforma Costituzionale sull’ambiente, sta approvando norme che favoriscono le fonti fossili!

Ne tantomeno il Governo italiano che ha come unico obbiettivo far diventare l’Italia un Hub del Gas e ci sta legando per i prossimi decenni ad una fonte fossile con nuovi contratti a lungo termine.

Per cui, tocca ai cittadini italiani, ancora una volta, promuovere qualcosa di utile al pianeta e alle generazioni future visto che le istituzioni italiane stanno sistematicamente lavorando per distruggere l’ambiente e garantire miliardi di profitti alle multinazionali delle fossili.

Puoi aiutarci a ottenere un sostegno politico formale per il Trattato sui combustibili fossili da parte degli stati nazionali?

Aderisci al Trattato anche come singolo cittadino, e se vuoi, usa questo sito per interagire con il Governo e i principali funzionari delle Nazioni Unite, tramite riunioni, chiamate, e-mail e social media, invitandoli a sostenere un trattato sui combustibili fossili, in alternativa rimango a disposizione per ogni ulteriore informazione!

Che aspetti? 

Attiviamoci tutti, il pianeta e i nostri figli non possono più aspettare!

#StopFossilFuel

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 2'

Pubblicato il: 22/04/2022 - 15:37:5


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Esposto in Procura per discarica abusiva a Paolo VI

In un periferico quartiere di Taranto ho scovato una discarica abusiva che accoglie i più disparati rifiuti. Uno spazio a uso e consumo di cittadini poco civili per cui ho presentato un esposto in Procura

Leggi di più

Giovanni Vianello

È grande l'impegno in Parlamento per bloccare l'elevato potenziale di inquinamento a Taranto

Depositata una interrogazione parlamentare sulla discarica Linea Ambiente di Grottaglie mentre a nella provincia di Taranto, l'Ente provinciale continua ad autorizzare raddoppi e sopralzi per siti di smaltimento rifiuti. Ultimo disco verde per Appia Energy

Leggi di più

Giovanni Vianello

Sul caso ex Ilva parlano tutti senza ascoltare la voce di Taranto!

In questi giorni stiamo subendo le conseguenze di argomentazioni davvero surreali sull’ex Ilva, parole a dir poco mortificanti per i cittadini e per i lavoratori di Taranto

Leggi di più

Giovanni Vianello

A Taranto come a Genova e Trieste: accordo di programma

Le problematiche dell’ex Ilva di Taranto vanno ben oltre...

Leggi di più

Giovanni Vianello

21/05/22 - NO ALLA FIDUCIA AL GOVERNO DRAGHI. La mia dichiarazione di voto per conto di Alternativa

Abbiamo votato NO alla fiducia al governo Draghi! L'ultimo decreto per contrastare gli effetti della crisi ucraina contiene norme disastrose, che non rappresentano le volontà dei cittadini italiani.

Leggi di più

Giovanni Vianello

Superbonus 110%, ecco perché è importante prorogarlo

Ieri nella commissione Ambiente della Camera dei Deputati, i dati del rapporto Cresme e del servizio Studi di Montecitorio sono risultati fondamentali ai fini della richiesta del MoVimento 5 Stelle di prorogare la misura del superbonus 110%

Leggi di più

Giovanni Vianello

12/01/22 - QT BONIFICHE EX ILVA: DRAGHI E IL MISE NON CONOSCONO IL LAVORO DEI PROPRI COMMISSARI.

E’ vergognoso che il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) non sappia che i commissari Ilva in AS (che dipendono dallo stesso MISE) stanno portando avanti le bonifiche nelle aree escluse

Leggi di più

Giovanni Vianello

AREA MARINA PROTETTA DEL MAR PICCOLO E DELLE ISOLE CHERADI: PRIMO INCONTRO SVOLTO, AVANTI PER L’EFFETTIVA ISTITUZIONE.

Il giorno 3 novembre c’è stato il primo incontro da parte del Comune di Taranto, della Provincia di Taranto e della Regione Puglia e si registrano pareri favorevoli per l’istituzione dell’AMP (Area Marina Protetta) del Mar Piccolo e delle Isole Cheradi...

Leggi di più