02/03/22 - L'Italia ripudia la guerra...ma inviano armi!

Non si possono chiudere gli occhi di fronte alla violenza del Governo Russo non solo nei confronti del popolo Ucraino ma anche nei confronti dello stesso popolo Russo, privato in diverse occasioni di diritti e libertà. Questo è un dato di fatto!

Allo stesso modo non si possono chiudere gli occhi di fronte alla continua espansione della Nato e delle sue politiche provocatorie che hanno contribuito ad aumentare la tensione internazionale e alimentato le controversie con la Russia. Anche questo è un dato di fatto!

In egual misura non si possono chiudere gli occhi di fronte alla predazione e sfruttamento delle risorse naturali e alle nefaste scelte di continuare a perseguire lo sfruttamento delle risorse fossili, che sono sempre state la causa principale delle guerre.

E anche questo, colleghi... è un dato di fatto!

Quale può essere la risposta alla terribile escalation che ha coinvolto - prima di tutti - il popolo Ucraino?

La risposta non potrà mai essere basata sull’alimentare il conflitto bellico,

La risposta non potrà mai essere quella di importare altre armi o personale in Ucraina perchè così, inevitabilmente quelle armi produrranno migliaia di altri morti, sia militari ma anche civili... ”.

Ogni volta, nei vari conflitti, indipendentemente da chi combatte contro chi e per quale ragione, il risultato era ed è sempre lo stesso: la guerra non significa altro che l’uccisione di civili, oltre che militari, morte, distruzione.

“La tragedia delle vittime è la sola verità della guerra” - affermava Gino Strada.

Prendendo atto di questa terribile realtà, e sull’esempio concreto di Emergency, abbiamo capito che l’unico modo possibile per dirimere i conflitti è l’idea di promuovere, sempre e comunque, una comunità in cui la principale attività, non sono gli accordi basati sulle fonti fossili che rendono miliardarie le compagnie petrolifere, ma bensì sono i rapporti umani fondati sulla solidarietà, sul riconoscimento dei diritti e il rispetto reciproco.

E nel torto non sono solo quelli che, mossi da esigenze di potere ed egemonia abbracciano fucili e armi per invadere ma anche quelli che creano i presupposti perchè quelle armi si possano usare.

Ma quello che voglio che capiate, se potete, è che il messaggio della pace, il messaggio della vera pace, non può essere imparato attraverso gli occhi di chi “parteggia” per una super potenza, attraverso gli occhi di chi parla di “guerra giusta”, di chi ritiene un mitragliere, un tank o un aereo da guerra come dei “portatori di pace”; non può essere compreso imitando le narrazioni dei media di parte, qualsiasi parte, facendo intendere che sono mezzi difensivi e non per quel che sono realmente, ossia mezzi di morte frutto della follia umana o meglio, di ciò che ne rimane.

Se volete nuovamente dare un messaggio all’Europa e al Mondo, deve essere un messaggio di distensione,...deve essere un messaggio di verità.

Il mondo va curato con il dialogo e la comprensione, non armato con le bombe. Un dialogo che non può essere relegato alla sola speranza... ma che va coltivato con proposte, mediazioni, diplomazia, anche se è molto più faticoso.

La guerra. La guerra non è una controversia politica ma bensì è un fatto personale!

la guerra è sempre un fatto personale, perché sono le persone che muoiono, sono i più deboli che soffrono, sono le donne e i bambini le prime vittime delle armi e della violenza, un fatto personale che non dovrebbe essere mai deciso da chi, dalle più comode e sicure stanze del potere, lontano da qualsiasi fronte, incita interventi militari, uomini armati inviati come se fossero dei pezzi di un Risiko, fallendo miseramente nella sua missione più importante, quella di essere umano.

Che differenza c’è tra morti, orfani, e senzatetto, se la folle distruzione passa sotto il nome di totalitarismo o sotto quello che la propaganda del potere utilizza rubando parole come “libertà” e “democrazia”?

Parliamoci chiaramente, almeno per una volta:

In realtà sono solo interessi geopolitici, interessi economici, e voi lo sapete bene, voi lo sapete benissimo ma state decidendo di non guardare la verità e di interpretare un copione... per accreditarvi.... agli occhi di chi è più potente di voi.

E non ci saranno solo le sofferenze di chi vede con i propri occhi il terrore generato dalla guerra, ma ci sono anche altri, milioni di persone a migliaia di km di distanza che sentiranno sulla propria pelle gli effetti di quella guerra, con altra sofferenza causata dagli shock economici che ne conseguono sia a causa della e armi ma anche a causa di sanzioni che alla fine hanno sempre le più terribili ripercussioni sulla vita dei cittadini.

Continuare a perseguire lo sfruttamento delle fonti fossili non potrà niente altro che essere causa di nuovi conflitti, oltre che devastazione ambientale, anche questo lo sappiamo molto bene e sappiamo che il mondo civilizzato spesso chiude gli occhi nei confronti di quei conflitti dove a prevalere sono solo gli interessi economici.

Ecco perchè, prima di una transizione ecologica, occorre una transizione mentale, che miri a mettere prima di tutto il concetto che le risorse vitali devono essere usate in modo ambientalmente sostenibile ma soprattutto devono essere a disposizione di tutti.

Occhio per occhio, rende il mondo cieco - diceva Gandhi

Perciò voglio che riflettiate qui, adesso, ora, con il pensiero che il dialogo deve conquistare l'Ucraina, non la guerra, non gli interessi geopolitici, non le armi, ma l’amore e la solidarietà, se è la pace quello che vi interessa veramente.

Non esiste una guerra giusta, l’Italia ripudia la guerra e per questo annuncio il voto favorevole della componente Alternativa alla diplomazia, alla pace e all’accoglienza e il voto contrario a qualsiasi proposta che preveda la proliferazione delle armi e la continuità della strategia dell’aggressione, da qualunque parte essa provenga.

LEGGI L'ARTICOLO

Tempo di lettura: 6'

Pubblicato il: 23/03/2022 - 10:48:3


TORNA ALLA HOME
Giovanni Vianello

Pd e Forza Italia vogliono trivellare i nostri mari

Contesto nel merito ma non nel metodo l'impugnazione del dl Semplificazioni davanti alla Corte costituzionale da parte di due senatori del Pd e di un deputato di Forza Italia

Leggi di più

Giovanni Vianello

13/05/22 - Presentato emendamento soppressivo per evitare lo scippo dei 150 Milioni di Euro delle bonifiche di Taranto

Presentato emendamento soppressivo per evitare lo scippo dei 150 Milioni di Euro delle bonifiche di Taranto

Leggi di più

Giovanni Vianello

14/05/22 - Rigassificatori: follia escludere la valutazione ambientale.

Apprendiamo dagli organi di stampa che il Governo Draghi, attraverso la bozza del decreto “aiuti” vorrebbe realizzare i nuovi rigassificatori galleggianti senza le procedure di Valutazione d’impatto Ambientale

Leggi di più

Giovanni Vianello

21/12/21 COMMISSIONE ECOMAFIA: APPROVATA RELAZIONE SU DEPOSITO NAZIONALE DI RIFIUTI RADIOATTIVI.

La Commissione Parlamentare d’inchiesta Ecomafie ha approvato la “Relazione sulle procedure di localizzazione del Deposito unico nazionale dei rifiuti radioattivi” di cui sono il Relatore assieme alla collega Rossella Muroni e al Presidente Stefano Vignaroli.

Leggi di più

Giovanni Vianello

I Commissari Ilva in AS auditi alla Camera

Lascio alla vostra attenzione le mie impressioni...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Una settimana parlamentare intensa

Giorni produttivi a Montecitorio, una proposta di legge e due decreti approvati per ristabilire gustizia, verità, equità e qualità della vita

Leggi di più

Giovanni Vianello

31/01/22 - Tassonomia verde: le richieste del governo italiano rappresentano la parte peggiore del paese

L’ inserimento di #nucleare e gas metano nella #tassonomia verde, e cioè di certificarli come fonti green garantendo così l’accesso sia ai fondi europei sia agli investimenti privati destinati a investimenti ambientalmente sostenibili, è una fo...

Leggi di più

Giovanni Vianello

Regionalismo differenziato, nel contratto di governo non sono previsti dislivelli fra cittadini

Stralcio tratto dall'intervista della Gazzetta del Mezzogiorno 

Leggi di più